Home » Bambini » Fumo in gravidanza aumenta il rischio di deficit di attenzione nei bambini

Fumo in gravidanza aumenta il rischio di deficit di attenzione nei bambini

Il fumo in gravidanza aumenta il rischio che il nascituro si affetto da deficit di attenzione e iperattività (Adhd). A sostenerlo sono i ricercatori della Aarhus university in Danimarca secondo i quali esporre il futuro neonato al fumo di sigaretta può aumentare il rischio che soffra di sindrome da deficit di attenzione.

La ricerca ha valutato quasi 85.000 bimbi nati in Danimarca e raccolto informazioni sul fumo dei genitori dalle madri durante la gravidanza. Dall’analisi dei dati raccolti sarebbe emerso che le percentuali più basse di Adhd erano fra i bambini in cui nessuno dei genitori fumava (1,8 per cento) e se la mamma aveva smesso e il papà non fumava (2 per cento), mentre la più alta si osservava se fumavano entrambi (4,2 per cento). Se il papà non fumava, le percentuali erano 3,8 per cento in presenza di mamme che usavano sostituti della nicotina e 3,4 per cento con mamme fumatrici.

Gli esperti hanno infine rilevato che in caso di fumo del papà, se la mamma non fumava la percentuale era del 2,6 per cento, se usava sostituti della nicotina 2,9 per cento e se aveva smesso di fumare 3,5 per cento.

admin

x

Guarda anche

Amici a quattro zampe in ospedale in visita ai pazienti

Gli amici a quattro zampe potranno finalmente entrare in ospedale per fare visita ai pazienti ...

Condividi con un amico