Home » Bambini » Disgrafia e disturbi dell’apprendimento nei bambini

Disgrafia e disturbi dell’apprendimento nei bambini

Disgrafia, con questo termine si fa riferimento ad un disturbo legato alla scrittura riguardante la dimensione delle lettere, la distanza tra lettere e l’ortografia. Le persone affette da questo disturbo mostrano capacità di scrittura inferiori alla media in relazione all’età, al Quoziente intellettivo e al livello di istruzione. I sintomi della disgrafia compaiono generalmente quando si inizia a scrivere. I sintomi della disgrafia non sono rari ma bisogna verificare se queste difficoltà perdurano nel tempo o sono legate solo a un periodo specifico. Molti bambini con disgrafia, non riescono a scrivere correttamente una parola su una riga e la grandezza delle lettere è variabile, al punto da far apparire la scrittura disordinata. Inoltre, faticano a riportare per iscritto quanto pensano o ricordano.

I sintomi

Tra i sintomi della disgrafia rientrano problemi con la forma e la spaziatura tra lettere, difficoltà a organizzare parole da sinistra a destra nella pagina, problemi a tenere una matita in modo corretto, incapacità di usare adeguatamente le forbici, problemi a colorare all’interno dei margini e ancora difficoltà a riportare le idee su carta rapidamente, difficoltà a capire le regole di un gioco, perdere il filo del discorso, difficoltà a capire le regole ortografiche, difficoltà a distinguere se una parola è errata e combinare le parole in modo errato. I bambini alle prese con la disgrafia manifestano problemi con il controllo ortografico, hanno difficoltà a leggere la propria scrittura, hanno difficoltà a raccontare una storia e si esprimono spesso attraverso frasi confuse.

Cosa si può fare?

Se il bambino ha la disgrafia un team di docenti e specialisti della scuola potrà inserirlo in un programma educativo individualizzato. Sicuramente è raccomandato un intervento il più possibile tempestivo e specialistico, sia per approfittare della fase evolutiva in cui l’alunno è predisposto a specifici apprendimenti, sia per evitare il rischio del consolidamento degli errori. Il trattamento per la disgrafia può includere così esercizi motori e di controllo della scrittura, oltre ai trattamenti riguardanti esercizi di memoria o neuropsicologici.

Valentina Garbato

Siciliana verace, mamma felice da pochi mesi e appassionata di scrittura da sempre. Amo la lettura, la musica, il cinema, gli amici e il buon cibo. Una laurea in giornalismo e tanti sogni ancora da realizzare.
x

Guarda anche

Ikea ritira 29 milioni di cassettiere Malm

Ikea ritira 29 milioni di cassettiere Malm, considerate pericolose dopo la morte di 8 bambini, ...

Condividi con un amico