Home » Bambini » Gravidanza, quanti caffè concessi alle future mamme

Gravidanza, quanti caffè concessi alle future mamme

Il consumo di caffè in gravidanza è concesso ma è bene sapere che non bisognerebbe esagerare per evitare controindicazioni tanto nella futura mamma quanto nel bebè. Recenti studi hanno infatti dimostrato che il caffè assunto in gravidanza in moderate quantità non nuoce alla salute del feto. La caffeina ad oggi è la sostanza più consumata in tutto il mondo e tra i consumatori ci sono anche il 90% circa delle donne in dolce attesa, non solo sottoforma di caffè’ ma anche di altre bevande o alimenti che la contengono, come ad esempio il cioccolato o la cola.

Alcune ricerche hanno evidenziato che solo le donne che bevono molti caffè possono vedere conseguenze sul peso dei neonati o sul momento della loro nascita. Gli esperti consigliano comunque di non superare i 300 mg di caffeina al giorno, che equivalgono a tre tazze di caffè istantaneo. Da limitare anche il consumo di tè e cioccolato. Vediamo di seguito uno schema delle dosi consentite (dal sito coind.it):

– Caffè solubile: 75 mg in una tazza da 190 ml

– Caffè filtro (caffè americano, caffè percolato): 85 mg in una tazza da 190 ml

– Caffè espresso: 30-50 mg in una tazzina da 30 ml

– Thè: 50 mg in una tazza da 190 ml

– Bibite energetiche (con caffeina o guaranà): 28-87 mg in un bicchiere da 250 ml

– Cola (dietetica o normale): 8-53 mg in un bicchiere da 250 ml

– Altre bibite analcoliche: 24 mg in un bicchiere da 250 ml

– Cioccolata: 5,5-35,5 mg in una barretta da 50 gr

Valentina Garbato

Siciliana verace, mamma felice da pochi mesi e appassionata di scrittura da sempre. Amo la lettura, la musica, il cinema, gli amici e il buon cibo. Una laurea in giornalismo e tanti sogni ancora da realizzare.
x

Guarda anche

Porri gratin

Porri gratin   Ecco una ricetta a base di porri e prosciutto che può essere ...

Condividi con un amico