Home » Bambini » Oms, ecco i diritti delle partorienti

Oms, ecco i diritti delle partorienti

Cheerful caucasian pregnant woman lying on bed with her husband in the bedroom

Sono tante le domande che affollano le menti delle donne in dolce attesa, piene di curiosità per quello che verrà. Le donne in gravidanza si domandano soprattutto cosa le aspetta al momento del parto, momento tanto agognato quanto spesso temuto. Per rispondere a tutti gli interrogativi delle future mamme, nel 1985 l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha stilato un documento che fissa i diritti di una partoriente. Questo documento costituisce la base su cui è stata redatta, nel 2006, legge italiana sulla “tutela dei diritti della partoriente, la promozione del parto fisiologico e la salvaguardia della salute del neonato“.

Il primo principio stabilito dall’Oms è quello che a tutte le donne che partoriscono in una struttura deve venir garantito il rispetto dei loro valori e della loro cultura e l‘induzione al travaglio deve essere riservata solo per specifiche indicazioni mediche. Allo stesso modo durante il travaglio si dovrebbero evitare la somministrazione di farmaci se non per casi specifici. La rottura artificiale delle membrane, fatta di routine, non ha nessuna giustificazione scientifica e su richiesta, si raccomanda solo in uno stato avanzato del travaglio. L’Oms raccomanda di non mettere la donna nella posizione supina durante il travaglio e il parto: gli esperti ritengono infatti preferibile incoraggiare la partoriente a camminare e a scegliere liberamente la posizione per lei più adatta al parto.

Per il benessere psicologico della neo-madre deve essere assicurata la presenza di una persona di sua scelta e poter ricevere visite nel periodo post-natale. Infine gli esperti suggeriscono di promuovere immediatamente l’inizio dell’allattamento che costituisce l’alimentazione normale e ideale del neonato e pertanto si deve incoraggiare immediatamente l’inizio dell’allattamento persino prima che sia lasciata la sala parto.

Valentina Garbato

Siciliana verace, mamma felice da pochi mesi e appassionata di scrittura da sempre. Amo la lettura, la musica, il cinema, gli amici e il buon cibo. Una laurea in giornalismo e tanti sogni ancora da realizzare.
x

Guarda anche

Amici a quattro zampe in ospedale in visita ai pazienti

Gli amici a quattro zampe potranno finalmente entrare in ospedale per fare visita ai pazienti ...

Condividi con un amico