Home » Bambini » Infezioni e funghi in piscina, norme igieniche di prevenzione

Infezioni e funghi in piscina, norme igieniche di prevenzione

Come proteggersi dalle infezioni in piscina. Durante l’estate le piscine sono tra le mete preferite per le famiglie con bambini ma è risaputo che frequentare un luogo pubblico comporta il rischio di venire a contatto con batteri, funghi e virus e così il pericolo di contrarre fastidiose infezioni è in agguato. La prevenzione e il rispetto di alcune norme igieniche generali reppresentano il modo migliore per ovviare al problema.

Per evitare il contagio è bene insegnare ai bambini ad utilizzare solo il proprio asciugamano e le proprie ciabatte, a indossare occhialini impermeabili per proteggere gli occhi e a cercare di tenere i piedi asciutti quando non si è in acqua. Una buona abitudine è inoltre quella di asciugarsi bene dopo la doccia, soprattutto nelle parti del corpo in cu si trovano pieghe della pelle che potrebbero fare da ristagno per i batteri ovvero inguine, ascelle e tra le dita dei piedi.

Infine dopo una giornata in piscina è fondamentale controllare la pelle dei bambini e verificare l’eventuale presenza di bollicine, piaghe, irritazioni o piccole pustole. È bene poi verificare sulle unghie, che in caso di infezione possono risultare ispessite, la presenza di ingiallimenti o macchie mentre sui piedi potrebbero comparire delle verruche. Un’altra regola da osservare per la prevenzione dei funghi è, dopo essersi lavati e asciugati, stendere una piccolissima quantità di crema a base di zolfo e acido salicilico nelle aree più a rischio.

Valentina Garbato

Siciliana verace, mamma felice da pochi mesi e appassionata di scrittura da sempre. Amo la lettura, la musica, il cinema, gli amici e il buon cibo. Una laurea in giornalismo e tanti sogni ancora da realizzare.
x

Guarda anche

E’ morto Totò Riina

Chissà, se esiste un altrove, se adesso sta guardando in faccia Falcone, Borsellino, Livatino e ...

Condividi con un amico