Home » Bambini » Troppi neonati vittime del fumo passivo

Troppi neonati vittime del fumo passivo

Sono ancora troppi i neonati esposti al fumo passivo. Gli ultimi dati disponibili parlano chiaro: almeno una gestante su quattro e quasi un neonato su cinque sono esposti al fumo passivo.

In particolare vediamo i dati raccolti nel corso di “Piccolipiù”, il primo studio italiano sui determinanti della salute infantile, coordinato dal Dipartimento di epidemiologia del servizio sanitario regionale della Regione Lazio. La ricerca ha coinvolto 3.000 neonati e le loro mamme e ha preso in esame lo stile di vita della famiglia, le professioni svolte da entrambi i genitori e le attività praticate nel tempo libero. I ricercatori hanno inoltre raccolto informazioni circa la crescita del bambino, la dieta seguita, l’ambiente in cui cresce, eventuali malattie o cambiamenti in quattro momenti: a 0, 6, 12 e 24 mesi. Alla nascita, tutti i piccoli e le mamme sono stati sottoposti a prelievi di campioni biologici (sangue della mamma e del cordone ombelicale), conservati in una banca appositamente creata all’Istituto superiore di sanità a Roma.

Dall’analisi dei primi dati è emerso che l’esposizione al fumo passivo durante la vita intrauterina e i primi anni dell’infanzia è ancora elevata. Il report rileva infatti che almeno il 25% delle donne incinte e il 20% dei lattanti sono vittime del fumo di sigaretta. Proprio l’esposizione al fumo passivo sarebbe fra le cause delle malattie all’apparato respiratorio registrate nei primi mesi di vita dei bambini. Stando allo studio, il 4,8% dei piccoli ha contratto più di quattro infezioni delle alte vie respiratorie nei primi anni di vita.

Valentina Garbato

Siciliana verace, mamma felice da pochi mesi e appassionata di scrittura da sempre. Amo la lettura, la musica, il cinema, gli amici e il buon cibo. Una laurea in giornalismo e tanti sogni ancora da realizzare.
x

Guarda anche

Sopravvive a 50 arresti cardiaci in una settimana

Non molti giorni fa avevamo parlato della Sindrome di Brugada, di quelle cellule del cuore ...

Condividi con un amico