Home » Bambini » Scambio di sguardi favorisce connessione genitore-bebè

Scambio di sguardi favorisce connessione genitore-bebè

Basta uno sguardo perché l’attività neurale adulto-bambino si allinei per favorire la comunicazione. A sostenerlo è una ricerca firmata da Victoria Leong, della University of Cambridge, in Gran Bretagna, secondo cui i cervelli di genitori e bebè si sincronizzano quando si guardano negli occhi.

Lo studio, riportato dalla rivista Pnas, è la scoperta ha preso in esame i risultati di una serie di esperimenti con 17 bebè e un adulto di riferimento (ad esempio la mamma) per vedere come l’interazione tra loro si traduce a livello di attività cerebrale.

In uno degli esperimenti l’adulto cantava una canzoncina al bimbo (età media 8 mesi) o guardandolo dritto negli occhi, o evitando di incontrare il suo sguardo. In entrambe le situazioni, l’esperta ha misurato l’attività cerebrale di adulto e bebè con l’elettroencefalogramma dimostrando che quando lo sguardo dell’adulto è rivolto al bambino l’attività neurale del bebè si allinea con quella dell’adulto, creando uno stato di connessione neurale che potrebbe facilitare il successo comunicativo tra i due.

 

Valentina Garbato

Siciliana verace, mamma felice da pochi mesi e appassionata di scrittura da sempre. Amo la lettura, la musica, il cinema, gli amici e il buon cibo. Una laurea in giornalismo e tanti sogni ancora da realizzare.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Telethon: ieri e oggi cioccolato in piazza

Perché donare soldi a Telethon? Presto detto, perché contrariamente alle altre decine di progetti difficili ...

Condividi con un amico