Home » Benessere » L'Escholtzia: la pianta del sonno riparatore e tranquillo

L'Escholtzia: la pianta del sonno riparatore e tranquillo

Parte utilizzata: la parte aerea fiorita
Applicazioni: Difficoltà a prendere sonno nell’adulto e nel bambino, ansia, incubi, depressione, emicrania, nervosismo, analgesico, sedativo.

La presenza di un ipnotico naturale della famiglia degli alcaloidi, la californidina, che non provoca assefazione, esercita un effetto benefico sulla qualità del sonno nella fase di addormentamento e sull’ansia che accompagna i risvegli notturni e gli incubi. Sedativa senza essere narcotica, la pianta è perfettamente tollerata, in particolare dai bambini dei quali calma l’intensa agitazione che, in alcuni precede il sonno.
Ansiolitico naturale, combatte lo stress e permette di ridurre il nervosismo che è la causa delle turbe del sonno. Può sostituire gli ipnotici più comuni senza produrre assuefazione, tossicità o effetti secondari presenti di solito al mattino nel momento del risveglio.
Grazie alle sue proprietà antispasmodiche, è indicata per attenuare i dolori o i crampi che accompagnano i disturbi del sonno.

admin

0 Commenti

  1. e possibile avere il prodotto con le istruzioni d’uso e quanto costerebbe

x

Guarda anche

Bimbi nati nei mesi freddi a rischio problemi respiratori

I bimbi nati nei mesi più freddi dell’anno sono più soggetti al rischio di soffrire ...

Condividi con un amico