Home » Benessere » Per saperne di più sulle emorragie

Per saperne di più sulle emorragie

Le emorragie che necessitano un’azione di pronto soccorso sono quelle conseguenti a ferite che interessano di solito per la loro profondità o per la loro sede vasi sanguigni di un certo calibro.
Esse vengono distinte in emorragie arteriose o venose secondo che hanno origine da una arteria o da una vena.
Naturalmente esse hanno caratteri diversi:
le prime sono zampillanti, con sangue a fiotto ritmico con le pulsazioni cardiache e di colore rosso vivo; le seconde con sangue che defluisce con maggiore lentezza, senza modificazioni della gettata, a colorito più scuro.
Può pure succedere che la emorragia sia mista in occasione di ferite che abbiano provocato lesioni di vasi sanguigni sia venosi che arteriosi , i quali in determinate zone decorrono strettamente appaiati.
Per tali emorragie si dovrà quindi ricorrere a un’allacciatura dell’arto con i mezzi di fortuna a disposizione che possono essere cordicelle, elastici, strisce di tela.
L’allacciamento dell’arto sarà praticato, nel caso di emorragia arteriosa, al di sopra della lesione, verso cioè la radice dell’arto stesso; mentre nelle emorragie di natura venosa, l’azione compressiva dovrà essere effettuata nella parte più distale, cioè al disotto della zona sanguinante.
Nel caso di sospetti che la emorragia sia venosa e arteriosa nello stesso tempo, andranno applicati due lacci: uno superiormente, l’altro al disotto del punto in cui fuoriesce il sangue.
Non ci stancheremo però di ripetere che se tale intervento può salvare il paziente o evitargli rischi gravi, è necessario avviarlo al medico o in un luogo di ricovero per le cure appropriate.
Infatti si deve ricordare che anche il perdurare di una legatura in un arto non è privo di pericoli, perchè possono insorgere disturbi di nutrizione con gravi danni per le cellule.
In presenza di emorragie interne , cioè ad esempio in organi addominali, il soccorso del profano si limiterà alla applicazione di borsa di ghiaccio o di compresse umide e fredde sulla zona dalla quale si presume abbia origine il sangue, mentre che per le emorragie dal naso, si potranno introdurre nelle fosse nasali batuffoli di cotone o garza emostatici, o effettuare la compressione delle pinne nasali.
Non dovrà essere praticata la soffiatura al naso in quanto tale manovra non favorisce affatto la formazione di coaguli di sangue.
Molto utile si dimostrerà l’applicazione del ghiaccio o di compresse bagnate.

admin

x

Guarda anche

Bimbi nati nei mesi freddi a rischio problemi respiratori

I bimbi nati nei mesi più freddi dell’anno sono più soggetti al rischio di soffrire ...

Condividi con un amico