Home » Benessere » Come riconoscere le lesioni e i traumi

Come riconoscere le lesioni e i traumi

Oggigiorno la vita meccanizzata offre occasioni continue di accidenti traumatici, cioè di infortuni vari sul lavoro e di investimenti da parte di emzzi meccanici.
Le lesioni possono quindi essere più o meno gravi o estese e spaziare dalla semplice contusione alla ferita vera e propria, alla frattura anche grave complicata in alcuni casi da fuoriuscita di monconi o di frammenti ossei.
E’ necessario quindi un diverso comportamento a seconda del tipo di lesione a cui ci troviamo davanti.
Mentre la contusione suppone la integrità dei tessuti cutanei, la ferita consiste invece nella soluzione di continuità degli stessi con caratteri diversi a seconda della forma del corpo contundente, delle modalità di azione del medesimo e della sede sulla quale si è esercitato il trauma.
Le ferite si distinguono in ferite semplici e lineari se provocate da mezzi taglienti e in ferite lacere o lacere contuse nelle quali invece i bordi appaiono irregolari e anfrattuosi.
A seconda della sede le ferite possono talvolta interessare organi più delicati situati in alcune cavità dell’organismo, essere cioè penetranti nelle medesime con gravi conseguenze per la vita.
Altre volte un trauma, pur rispettando relativamente i tessuti, comporta l’interessamento dello scheletro, provocando lesioni diverse che si distinguono in distorsioni , lussazioni e fratture . Queste due ultime possono essere in alcuni casi associate.
La distorsione e la lussazionesono appannaggio delle articolazioni, di quelle sedi cioè nelle quali avvengono le congiunzioni di segmenti ossei diversi e che permettono i movimenti.
La distorsione è conseguente ad una azione violenta, per lo più una caduta, che comporta lo stiramento dei legamenti articolari per spostamento dei capi ossei in grado i maggiore di quanto sia normalmente consentito.
Nella lussazione invece troviamo uno spostamento delle ossa che persiste fino a quando non intervenga il medico con opportune manovre a ridurlo, perchè l’osso è uscito fuori dalla sua cavità articolare.
Particolarmente grave sarà una lussazione della colonna vertebrale che può provocare gravi lesioni sul delicato midollo spinale con conseguenze di paralisi irreversibili e addirittura mortali quando la lussazione avvenga a carico di una vertebra del collo.
Le fratture avvengono più facilmente negli adulti e nei vecchi, perchè le ossa sono rese più fragili.
Negli individui giovani invece le ossa hanno maggiore elasticità e di conseguenza le fratture sono meno frequenti, a volte si presentano incomplete, dette perciò “a legno verde”.
Le fratture possono essere più o meno semplici o complicate a seconda della violenza del trauma.
I monconi possono restare a contatto oppure, sia per la violenza contusiva o per azione dei muscoli, come avviene spesso nelle fratture del femore, possono spostarsi, accavallarsi, allontanarsi o addirittura accorciarsi.
Molte volte si possono formare anche più frammenti e i medesimi nel loro spostamento possono perforare i tessuti intorno e anche la pelle dando origine alle cosiddette fratture esposte.
Di fronte alle lesioni di cui abbiamo detto, la prima cosa da farsi è quella di togliere rapidamente gli indumenti che ricoprono la parte, tagliandoli addirittura qualora sia necessario.
Le ferite e le abrasioni andranno lavate con acqua e sapone, onde asportare il sangue e le eventuali sostanze che vi possono essere penetrate dall’esterno, indi disinfettate con acqua ossigenata. L’alcool e la tintura di odio andranno riservati per la cute intorno ai bordi della ferita. Poi verrà praticata una fasciatura.
Nel caso dei traumi con sospetto di distorsione, lussazione o frattura si cercherà di immobilizzare convenientemente la parte con stecche di legno o di cartone imbottite, in modo da evitare che i pur minimi spostamenti facciano aumentare i dolori.
Si curerà che l’infortunato assuma una comoda posizione. Come norma generale si potrà in tali casi anche applicare una borsa con ghiaccio per l’azione antidolorifica esercitata dal freddo.
E’ sicuramente opportuno accompagnare l’infortunato a pronto soccorso, affinchè uno specialista posso fare i dovuti controlli.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico