Home » Benessere » Le ustioni: da cosa sono provocate e come si guarisce

Le ustioni: da cosa sono provocate e come si guarisce

Le ustioni in genere comprendono sotto questo nome sia quelle prodotte dal fuoco, liquidi bollenti, agenti fisici quali luce solare, sia quelle causate da sostanze chimiche.
Le ustioni vanno divise in lesioni di primo, secondo, terzo grado, a seconda della loro gravità.
Infatti esse si presentano con un aspetto diverso soprattutto perchè tale aspetto è in relazione ad una più o meno prolungata azione dell’agente ustionante.
Nel primo caso sarà osservato un rossore della parte scottata e un certo turgore dei tessuti; nel secondo la presenza di bolle ripiene di siero, nel terzo infine vi è carbonizzazione dei tessuti che perciò appaiono nerastri, cioè carbonizzati.
Bisogna ricordare che anche una semplice lesione di I° grado, ma estesa oltre un certo limite, può originare gravi fenomeni generali e mettere in pericolo di vita l’individuo altrettanto come lesioni di maggiore gravità anche se meno estese. E’ perciò bene interpellare in ogni caso il medico e, se necessario, affidare a lui la responsabilità delle cure.
Il trattamento d’urgenza delle ustioni comuni consisterà nell’utilizzare a scopo terapeutico sostanze che è facile reperire anche in casa sotto forma di olio, vaselina, cioè sostanze grasse che, applicate sulla parte, esercitano un’azione coibente.
In mancanza di ciò si potrà adoperare dell’albume d’uovo sbattuto e financo patate grattugiate applicate come impacco. Meglio di ogni cosa, per la specifica azione, sono gli impacchi di soluzione di tannino.
Le sostanze chimiche capaci di produrre ustioni possono essere ad esempio gli acidi nitrico, solforico, cloridrico, oppure la soda e la potassa caustica, l’ammoniaca tra quelle che sono di uso più comune. Sono cioè sostanze che esercitano un’azione corrosiva sui tessuti con cui vengono a contatto.
Per tali ustioni si provvederà quindi ad allontanare gli indumenti che ne fossero impregnati e ad asportare la maggior parte di tali sostanze dalla cute, lavando abbondantemente la zona interessata.
Nel caso di acidi si adopereranno acqua e molto sapone, il quale li neutralizza, mentre per la soda e la potassa caustica soluzioni di acqua e aceto o con limone, cioè acidificate.

admin

x

Guarda anche

Baby brain, gravidanza affatica la mente

Baby brain, quando la gravidanza affatica la mente. Seppure non se ne conoscano ancora le ...

Condividi con un amico