Home » Benessere » La Celiachia: come riconoscerla

La Celiachia: come riconoscerla

La malattia celiaca, detta anche “enteropatia da glutine”, è una condiizone primitiva e permanente di intolleranza ad alcune proteine presenti in alcuni cereali come frumento, segale, avena, orzo; sostanze vegetali i cui derivati sono largamente rappresentati nella alimentazione giornaliera.
La malattia colpisce tutte le età ed è causata da un concorso di fattori genetici ed ambientali.
Non ci sono sintomi specifici di celiachia.
La paggior parte delle persone affette ha sintomi generici come una diarrea intermittente e dolori addominali, ma può anche non portare alcun problema intestinale.
Possono, però, essere presenti altri sintomi come irritabilità o depressione, disturbi gastrici, dolori articolari e muscolari, manifestazioni cutanee.
Il sintomo più frequente è l’anemia da carenza di ferro.
Alcuni segnali sono rappresentati anche da perdite di peso, crampi addominali, diarrea, presenza abnorme di gas intestinale, feci maleodoranti o grigiastre, rallentamento o arresto della crescita nei bambini.
Condizioni patologiche da associare alla celiachia sono la poliabortività, le ipertransaminasemie, la tiroidite di Hashimoto, le atassie neurologiche, le epilessie, il diabete mellito, le miocarditi, ecc.
La diagnosi viene fatta tramite indagini sul sangue e il prelievo di una piccola porzione di mucosa intestinale (biopsia) per l’esame istologico.
Come terapia, bisogna per un tempo indefinito e con rigore, fare una corretta dieta, che prevede l’esclusione di quei cereali come frumento o grano, grano kamut, farro o spelta, orzo, segale, avena, tricale e dei loro derivati contenenti le proteine responsabili dell’insorgenza della malattia.
I primi esperti a cui rivolgersi sono il pediatra o il medico di famiglia per avere chiarimenti e approfondimenti sulla malattia celiaca.

admin

x

Guarda anche

Psicologia: ecco come “insegnare” le emozioni ai bimbi

  Brutto da dire, ma di questi tempi le emozioni “vanno insegnate”. Un tempo bastava ...

Condividi con un amico