Home » Benessere » Sesso, ultrasuoni per problemi di erezione

Sesso, ultrasuoni per problemi di erezione

In Israele è stata scoperta la soluzione per i problemi di erezione di molti uomini. Infatti, con una terapia ad ultrasuoni si risolverebbe il problema di disfunzione rettile. Lo studio è stato condotto dal Rambam Medical Centre di Haifa, secondo il cui metodo, si avrebbe la possibilità di stimolare la crescita di nuovi vasi sanguinei nell’area genitale, riducendo i problemi di erezione.
Questa terapia è stata provata su 20 volontari che prendevano il Viagra per i loro problemi di impotenza, ed ha avuto successo su 15 di loro. “Si tratta di una forma lieve di litotripsia, una terapia sviluppata 20 anni fa per trattare i calcoli renali” hanno spiegato i ricercatori, autori di uno studio revisionato dall’International Society of Sexual Medicine. “Si inviano onde sonore attraverso la pelle, in maniera del tutto innocua ed indolore. Si bersagliano 5 aree specifiche dei genitali”. Queste onde sonore attivano un fattore di crescita molto importante, il Vascular Endothelial Growth Factor, che provoca la formazione di nuovi vasi sanguinei nell’area.
“I risultati sono stati soddisfacenti: valutando la disfunzione sessuale su una scala da 0 a 30 punti, il loro punteggio era tra 20 e 12 punti, mentre in seguito al trattamento era sceso a 5 punti” hanno detto gli studiosi che hanno seguito la ricerca.
“Questa nuova tecnica potrebbe essere un’ottima alternativa al viagra, che per il 30 per cento degli uomini non ha gli effetti desiderati”.

admin

0 Commenti

  1. vorrei sapere più notizie sul problema disfunzione rettile.

  2. Massimo Facchi

    Buongiorno,

    Mi chiamo Massimo Facchi ed approfitto per chiedere un parere sulla mia situazione .

    Nel Novembre del 2009 sono stato operato di prostatectomia radicale a seguito di un carcinoma che mi e’ stato riscontrato in 2 frustoli su 12 prelevatimi con una biopsia .

    Il carcinoma era di tasso Gleason 6 (3+3) mentre il valore del Psa si era attestato nei 6 mesi precedenti in un intervallo da 4.13 a 4.27 , Psa libero a 11 (rischio).

    Prima di detti mesi era perfattemente tutto nella norma e premetto che non ho mai avuto disturbi di sorta.

    Da allora il Psa ,con controllo periodici di 4 mesi, si e’ attestato a 0 e il Psa libero e’ non significativo.

    Non ho e non ho mai avuto incontinenza urinaria ma ho purtroppo riscontrato l’impotenza dopo l’intervento.

    Nel marzo 2010 ho fatto una terapia (per 2 mesi) di capsule a base di aminoacidi (arginina ed ornitina) , ne assumevo 4 al giorno. Nessun esito positivo.

    Ad agosto e settembre 2010 ho fatto una terapia omeopatica , anche questa senza alcun esito.

    A dicembre 2010 mi sono convinto a tentare la terapia tradizionale prescrittami dagli urologi ove sono stato operato (Clinica Vialarda -Rep. Urologico – Dr. Chioso – Biella).

    Per un mese ho assunto Cialis da 20 mg. 3 volte la settimana , ma pure questa terapia non ha dato alcun esito .

    Volevo sapere la sua opinione per capire se posso ancora tentare qualcosa di proficuo.

    Le ricordo che ho 60 anni ed il desiderio sessuale si manifesta normalmente.

    La ringrazio sperando in un Cortese riscontro.

    Distinti Saluti,

    Massimo Facchi.

x

Guarda anche

Ricerca, bambini con dislessia vedono in modo speciale

I bambini con dislessia vedono in modo speciale. A sostenerlo sono i risultati di uno ...

Condividi con un amico