Home » Benessere » L'insonnia fa ingrassare e indebolire le difese immunitarie

L'insonnia fa ingrassare e indebolire le difese immunitarie

Secondo una ricerca pubblicata sull’Archives of Internal Medicine, chi soffre di insonnia rischia di ingrassare e di ammalarsi.

I ricercatori hanno sottoposto all’indagine 153 persone per valutarne la qualità del sonno.

Trascorsi cinque giorni di osservazione, le hanno bombardate con il virus dell’influenza. Quelle che avevano dormito meno di 7 ore per notte sono risultate tre volte più a rischio di ammalarsi rispetto a quelle che avevano dormito almeno 8 ore. Oltre alle difese immunitarie notevolmente ridotte, l’insonnia provoca anche un abbassamento della concentrazione e dell’attenzione durante tutto il giorno.

Per il dott. Gian Luigi Gigli, presidente dell’Associazione italiana di medicina del sonno: “La qualità e la quantità del riposo cambiano il modo di operare della nostra corteccia cerebrale e quindi come valutiamo le informazioni che abbiamo a disposizione. In caso di deficit di sonno ne risente in modo particolare l’attenzione selettiva, con una ridotta capacità di discernere tra informazioni essenziali e superflue”.

Da un altro studio condotto, invece, dalla Columbia University e pubblicato su Sleep, che ha seguito 15000 adolescenti si è scoperto che dormire meno di cinque ore a notte porta spesso ad aumentare il peso corporeo, con un accumulo consistente di grasso addominale, molto pericoloso per la salute.

L’insonnia non è una malattia, ma è un sintomo di svariate condizioni patologiche psichiche o fisiche, oppure di alterati equilibri situazionali o ambientali che può causare diversi disturbi; dallo stress alla depressione.

Essa viene frequentemente percepita dal paziente come un disturbo primario, a causa del suo notevole impatto esistenziale e a causa della difficoltà di riconoscimento della vera patologia primaria che essa sottende.

I parametri polisonnografici evidenziano che negli insonni il tempo di addormentamento è in generale aumentato indipendentemente dall’età, mentre il numero dei risvegli non sembra essere particolarmente influenzato dall’insonnia.

Se ci si accorge che i sintomi di questo disturbo perseverano, presentandosi spesso, è bene adoperarsi prendendo le giuste contromisure, in quanto l’insonnia può in tal caso divenire un vero e proprio deficit per il corpo ed essere estremamente nocivo per la salute dell’insonne.

Infatti, l’insonnia altera il naturale ciclo del sonno, che risulterà molto difficile da restaurare. Tuttavia per intervenire nel modo giusto bisogna conoscere la tipologia dell’insonnia che ci ha colpiti.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico