Home » Benessere » Sono oltre 200 i casi di intossicazioni all'anno per piante ornamentali

Sono oltre 200 i casi di intossicazioni all'anno per piante ornamentali

Dai dati raccolti dal Centro nazionale di informazione tossicologica della Fondazione Maugeri a Pavia, grazie ad una ricerca per individuare i percorsi di diagnosi appropriati, sono emerse circa 200 intossicazioni all’anno da veleni presenti nelle piante di casa.

Infatti, si è scoperto che in molte piante domestiche che in realtà non conosciamo bene, si nascondono dei veleni: tra queste ci sono ciclamini, allori e rododendri, oleandri, glicini e gelsomini, sostanzialmente tutte piante che sembrano innocue.

Tra le piante domestiche usate a scopo ornamentale che sono risultate tossiche a diversi gradi, figurano la Stella di Natale, il vischio, le bacche rosse di agrifoglio e il pungitopo, che possono provocare da semplici effetti irritativi fino a sintomi gastroenterici anche importanti in caso di ingestione.

Secondo il rapporto stilato dall’istituto, il 40% dei casi di intossicazione riguardano i bambini che, mentre giocano in giardino, possono più facilmente avere un contatto con le piante che li circondano. Fortunatamente però si stratta di semplici irritazioni o arrossamenti.

Il restante 60% invece riguarda adulti che volontariamente ingeriscono determinate bacche, scambiandole per frutti commestibili. In queste circostanze la persona viene portata in ospedale per accertamenti, dato che le conseguenze possono essere decisamente più gravi e pericolose.

admin

x

Guarda anche

Ricerca, bambini con dislessia vedono in modo speciale

I bambini con dislessia vedono in modo speciale. A sostenerlo sono i risultati di uno ...

Condividi con un amico