Home » Benessere » Calcoli renali: si possono prevenire con un bicchire di limonata

Calcoli renali: si possono prevenire con un bicchire di limonata

Secondo una ricerca condotta dall’Università della California (sezione Comprehensive Kidney Stone Center) e diretta dal dottor Ruger L Sur, bere la limonata può aiutare a prevenire la formazione di calcoli renali.

Il team di ricercatori ha studiato il limone in quanto è un alimento molto ricco di citrato, inibitore naturale della formazione delle pietre nei reni. Al contrario degli altri agrumi, non contiene alti livelli di calcio e di ossalto, capaci di favorire la patologia.

Inoltre, bevendo liquidi può essere altrettanto utile per ridurre la formazione di calcoli, in quanto diminuisce l’assunzione di sale, di calcio e proteine.

Lo studio è stato svolto su alcuni volontari. A costoro è stata fatta bere una dose di limonata (2 litri d’acqua con 113 grammi di succo di limone); ebbene, alla fine della sperimentazione, si è notato come la bibita riducesse il tasso di formazione dei calcoli 1,00 a 0,13.

Il dottor Sur ha spiegato: “Dolori addominali e alla schiena, sangue nelle urine e nausea o vomito, sono i tre classici sintomi dei calcoli renali. Non dovete necessariamente avere tutti e tre i sintomi, ma ognuno di loro è difficile da ignorare. Dopo aver avuto un dolore estremo, si dovrebbe andare dal medico o andare al pronto soccorso subito, specialmente se è presente febbre. La presenza di febbre indica che si può avere un’infezione nel sangue che può essere pericolosa per la vita”.

I soggetti recidivi, che hanno “Una probabilità del 50% di produrre un’altra pietra entro cinque/dieci anni”, devono riuscire a prevenirlo, ha concluso il ricercatore.

All’ origine dei calcoli ai reni c’è in genere un’ eccessiva concentrazione di sali nelle urine e un’ insufficiente produzione di pipì, che può essere dovuta a scarsa assunzione di liquidi. La stanchezza, il caldo e gli impegni assillanti sono inoltre un cocktail micidiale per i reni e, più in generale, per le vie urinarie.

Nella stragrande maggioranza dei casi i calcoli ai reni si formano perché i sali minerali presenti normalmente nel nostro organismo non vengono diluiti a sufficienza dai liquidi che assumiamo e raggiungono una concentrazione troppo elevata (magari per un’ eccessiva sudata, tipica di questo periodo). Si possono così formare cristalli lungo le vie urinarie.

I calcoli renali non sono altro che piccoli sassolini: si possono incuneare nei reni, nell’ uretra oppure nell’ uretere, provocando spasmi muscolari che si propagano a ondate.

Per prevenirli, è importante, assumere tanta acqua, frutta e verdura a volontà, spremute di limone, soprattutto quando arrivano i primi caldi.

admin

x

Guarda anche

Ecco i cibi giusti per combattere la cellulite

Secondo il dottor Andrea Poli, di Nutrition Foundation of Italy (Nfi), per combattere la cellulite ...

Condividi con un amico