Home » Benessere » Il caffè come antitumorale

Il caffè come antitumorale

Un gruppo di ricercatori dell’Istituto di ricerche farmacologiche “Mario Negri”, dell’Università di Milano, sostiene che il caffè possa essere un antitumorale.

Ebbene sì, bere caffè eviterebbe l’insorgere di specifiche neoplasie, quali il cancro alla testa e quello al collo.

I dati finali si sono basati sulle risultanze di nove diversi studi supervisionati dall’International Head and Neck Cancer Epidemiology (INHANCE), secondo i quali, la combinazione degli elementi riscontrati ha portato i ricercatori a sostenere che coloro che assumono almeno 4 tazzine di caffè al giorno, hanno una probabilità di contrarre un tumore alla faringe o al cavo orale del 39% in meno a quelli che non lo bevono.

Per quanto riguarda invece il caffè decaffeinato non è stato possibile effettuare una statistica a causa dello scarso consumo, mentre per il te non sono state trovate associazioni con l’insorgenza o la non insorgenza dei tumori.

La dottoressa Alessandra Tavani, ricercatrice presso il Mario Negri, ha spiegato che il caffè è la bevanda più consumata nel nostro paese e la seconda nel mondo dopo il te, cosa che potrebbe avere dei concreti effetti benefici sulla popolazione.

Lo studio è stato, invece, pubblicato dalla dottoressa Carlotta Galeone su Cancer Epidemiology, Biomarkers & Prevention, rivista dell’Associazione Americana per la Ricerca sul Cancro (American Association for Cancer Research – AACR).

admin

x

Guarda anche

Giornata internazionale del caffè: 6 consigli per servirlo al meglio

Negli scorsi giorni si è celebrata la giornata internazionale dedicata al caffè. Il caffè è ...

Condividi con un amico