Home » Benessere » Clinica Santa Rita di Milano: rispristino misura cautelare in carcere per ex primario di chirurgia toracica

Clinica Santa Rita di Milano: rispristino misura cautelare in carcere per ex primario di chirurgia toracica

Il tribunale di Milano, ha accolto la richiesta della procura, e ha disposto il ripristino della misura cautelare in carcere per Pier Paolo Brega Massone, condannato a 15 anni e sei mesi nel processo per lo scandalo della clinica Santa Rita.

Brega si trovava gia’ in carcere per nuove accuse di omicidio e lesioni, ma i termini di custodia cautelare scadevano l’8 novembre.

Alla luce di ciò la procura ha chiesto un nuovo arresto e il tribunale lo ha concesso evidenziando anche l’elevato pericolo di fuga.

L’ex primario di chirurgia toracica della clinica Santa Rita di Milano, definita la “clinica degli orrori”, Pier Paolo Brega Massone, era stato condannato per lesioni, truffa e falso. Inoltre è stato stabilito, che possiede, “capacita’ criminale” e una “tendenza a delinquere”, oltre ad avere risorse economiche che possono permettergli di effettuare e mantenere una scelta di latitanza.

A dirlo i giudici della quarta sezione penale di Milano, che hanno deciso di accogliere la richiesta dei Pm Grazia Pradella e Tiziana Siciliano e di ripristinare la misura cautelare per l’imputato.

Ricordiamo che Brega Massone era stato arrestato il 9 giugno 2008, dopo lo scandalo della clinica Santa Rita, nella quale venivano eseguiti interventi chirurgici dannosi effettuati al solo fine di gonfiare i rimborsi del SSN.

I termini di custodia erano scaduti, ma Brega era stato arrestato di nuovo con l’accusa di omicidio e lesioni per altri episodi ancora in fase di indagine.

admin

Condividi con un amico