Home » Benessere » Natale 2010: per una spesa all'insegna della salute e del rispetto della natura

Natale 2010: per una spesa all'insegna della salute e del rispetto della natura

Per un Natale che non sia la solita festa sprecona e senza alcun significato, è possibile partire dall’evitare di regalare capi di abbigliamento, accessori per la casa e apparecchi tecnologici.

Si potrebbero preferire regali enogastronomici, regali immateriali come cene, abbonamenti al cinema, pacchetti benessere, oppure i charity gifts vale a dire le adozioni di animali a distanza o donazioni alle onlus.

Ma è possibile anche creare delle confezioni regalo senza sprecare la carta impacchettando i doni con pagine di giornale oppure foulard, o inventarsi altro ancora, creando tanti involucri originali e simpatici.

Ebbene, per poter fare ancora di più, è indispensabile una scelta accurata e ponderata del menù.

Allora sì a frutta e verdura di stagione e perchè no, acquistata sui banchi del mercato. I prodotti locali, si sa sono più genuini e allo stesso tempo più economici, favoriscono, anche la cosiddetta spesa a chilometro zero.

A Dicembre e a gennaio è possibile trovare: carciofi, indivia belga, cavoli, cavolfiori, broccoli e broccolini di bruxelles ecc, ottimi per la salute e veloci da cucinare. Gli agrumi poi, in questo periodo vanno per la maggiore: mandaranci, mandarini, arance e clementine sono ricchi di vitamina C, utile per difenderci dall’influenza.

Se si acquista al mercato, si risparmia anche sulle ingombranti confezioni tipiche del supermercato. Di conseguenza, si riducono i rifiuti e a guadagnarne oltre al nostro portafogli è soprattutto l’ambiente.

Oltre a frutta e verdura, nei mercati rionali, è possibile trovare anche cibi diversi che possono essere acquistati nelle quantità giuste, evitando di comprare più cibo del necessario.

Tante volte, infatti, capita che questo avanzi con il rischio che non si consumi e venga gettato nel cassonetto dell’immondizia, mentre sarebbe opportuno non solo acquistarne meno, ma cucinare gli avanzi nei giorni successivi al Natale.

Al mercato, vendono anche tonno sfuso, acciughe sotto sale, baccalà, stoccafisso, specialità diverse di olive, anche condite, varietà di legumi, canditi, frutta secca e pomodorini secchi..ed altro altro ancora.

Per saperne di più su come risparmiare prendendosi cura della natura, vi proponiamo il seguente link:

www.deabyday.tv/video/lj_natale-ecosostenibile.

admin

x

Guarda anche

McAfee, hacker in agguato nei regali di Natale

Hacker in agguato nei regali di Natale. L’allarme arriva da McAfee secondo cui proprio molti ...

Condividi con un amico