Home » Benessere » Acido lipoico e miodesopsie

Acido lipoico e miodesopsie

Stiamo provando l’utilità dell’acido lipoico nelle miodesopsie o floaters o corpi mobili del vitreo.

Oltre all’attività antiossidante, utile in una patologia in cui è dimostrato il ruolo dello stress ossidativo, l’acido lipoico ha anche un effetto di riduzione sulla glicemia nel sangue, quindi favorevole per il paziente affetto da diabete [Bartlett HE et al Ophthalmic Physiol Opt. 2008;28:503-23]. Tuttavia, i diabetici in terapia ipoglicemizzante, devono utilizzare acido lipoico solo sotto un adeguato controllo specialistico e monitorando costantemente i livelli di zuccheri nel sangue per non incorrere in episodi di ipoglicemia.

L’acido lipoico è contenuto soprattutto nelle cellule ricche di mitocondri, ovvero nelle cellule in cui le richieste energetiche sono elevate e di conseguenza la produzione di molecole ad attività ossidante è particolarmente rilevante. Una disfunzione mitocondriale porta inevitabilmente alla apoptosi delle cellule ad alta richiesta energetica, come lo sono le cellule ganglionari retiniche e i fotorecettori. Pertanto, l’acido lipoico, in virtù delle sue proprietà antiossidanti, legate soprattutto alla capacità di ricostituire le riserve di GSH, può trovare utilità nel trattamento del glaucoma, come complemento alla terapia ipotonizzante [Osborne NN et al, Prog Brain Res. 2008;173:339-52] e nella degenerazione maculare senile.

E ovvio, da quanto detto finora, che le proprietà antiossidanti dell’acido lipoico possono risultare utili anche nella prevenzione (non nel trattamento!) della cataratta senile. Dato che la molecola possiede caratteristiche chimicofisiche per penetrare attraverso la cornea, per la prevenzione della cataratta, l’acido lipoico potrebbe essere somministrato anche per via topica oculare. A tale proposito, si ricorda che esiste in commercio un prodotto per uso topico contenente acido lipoico (Tioretin Collirio, Bioos Italia), anche se lo contiene a concentrazioni molto bass! e (1 mg/ ml) ed è proposto con indicazioni completamente differenti.

Dal punto di vista tossicologico, l’acido lipoico è molto ben tollerato anche ad elevati dosaggi, inducendo come unico effetto collaterale un odore sgradevole alle urine. Come avvertenza, va ricordato che possono insorgere interazioni con alcuni farmaci. A parte l’effetto di potenziamento dei farmaci ipoglicemizzanti, l’acido lipoico potrebbe alterare i livelli di ormoni tiroidei: tale effetto è stato osservato solo sperimentalmente [Segermann J et al Arzneimittelforschung. 1991;41:1294-8], ma cautela e attenzione deve essere riservata negli individui che assumono in concomitanza acido lipoico e levotiroxina (Eutirox).

Esiste in Italia una casa farmaceutica la Alma View Toscana che produce già il RETIFLUS 30CPR che è a base di acido lipoico che è già in commercio.

La stessa casa produce ed è già in commercio anche il MIODES 30CPR per le miodesopsie.

L’unione del RETIFLUS 30CPR e del MIODES 30CPR può avere una ratio farmacologica nelle miodesopsie.

Prof. Duilio Siravo
Presidente Accademia Italiana di Oftalmologia Legale

admin

x

Guarda anche

Glaucoma: una nuova molecola per combatterlo

Una nuova molecola per combattere il glaucoma che in Italia colpisce un milione di persone ...

Condividi con un amico