Home » Benessere » Le carote non abbronzano ma fanno bene

Le carote non abbronzano ma fanno bene

L’alfa carotene, che è contenuto soprattutto nelle carote, ma anche in piselli, fagiolini, zucca, broccoli, albicocche e altri tipi di frutta e ortaggi. I livelli nel sangue dell’alfa carotene dipendono molto dal consumo totale di frutta e verdura e, in particolare, di carote e di altri ortaggi cosiddetti “da radice”(rapa, ravanello, sedano rapa,…).

Si tratta di un potentissimo antiossidante che quindi contrasta i radicali liberi da cui dipendono molte malattie croniche e inibiscono la crescita di alcune cellule tumorali.
Il beta-carotene non favorisce l’abbronzatura, così come ha spiegato il dott. Monti, responsabile di Dermatologia dell’Istituto clinico Humanitas di Milano, al Corriere.it, e non protegge dai raggi solari, “perché si deposita nel derma e non nell’epidermide, che è la parte più esterna della pelle, la più colpita dai raggi UV”.

Insomma, anche se mangiamo chili e chili di carote e il nostro colorito diventa leggermente arancione, oltre a subire i danni dei raggi solari, non otterremo un’abbronzatura rapida e uniforme, come invece si sente spesso dire. La melanina, invece, è un elemento che può effettivamente contribuire a donare un bel colorito abbronzato alla vostra pelle.

admin

x

Guarda anche

Ozono, di nuovo allarme. Per colpa della Cina

Avevamo appena tirato un sospiro di sollievo, perché il terribile “buco dell’Ozono” che aveva minacciato ...

Condividi con un amico