Home » Benessere » Avellino, arresti al "Moscati": chirurgia estetica spacciata per interventi tumorali

Avellino, arresti al "Moscati": chirurgia estetica spacciata per interventi tumorali

Un’inchiesta scottante ha travolto l’ospedale “Moscati” di Avellino. Sei persone sono state arrestate dalla Guardia di Finanza con l’accusa di peculato, falso, truffa ai danni dello Stato per aver falsificato documenti ed esami clinici.

Una serie di documenti veniva falsificata: venivano spacciati per soggetti affetti da patologie tumorali gravi quelle che erano in realtà soltanto persone che volevano essere sottoposte a interventi di chirurgia estetica. A rimetterci erano ovviamente le casse dello Stato e quindi indirettamente noi tutti cittadini, invece che i soggetti che subivano gli interventi.

Tra gli arrestati possiamo trovare anche nomi importanti, non dei soggetti qualunque, il che rende ancora più inquietante l’inchiesta: tra gli altri, il primario del reparto di Chirurgia, Francesco Caracciolo, 61 anni di Roma e il responsabile del Breast Unit, Carlo Iannace, 48 anni, di Benevento.

admin

x

Guarda anche

Chirurgia estetica: ora tutte vogliono rifarsi le caviglie

Tutta colpa della (futura) principessa americana Megan Markle, fidanzata ufficiale del cadetto d’Inghilterra, Henry, e ...

Condividi con un amico