Home » Benessere » Il doppio volto del "batterio killer"

Il doppio volto del "batterio killer"

Lo avevamo già presentato come un batterio tutt’altro che “killer”, il famoso Escherichia Coli che sta seminando la morte in Nord Europa. In effetti, di per sé, il batterio è un abitante comune del nostro organismo, anzi uno di quegli elementi che aiuta la nostra digestione.

La variante presente in Germania, però, potrebbe essere un ceppo “modificato” dello stesso batterio, ovvero un elemento che si è adattato all’ambiente e lo sta dominando, stravolgendolo. Il “batterio killer” infatti è riuscito a fare una sintesi dei peggiori agenti che esso stesso utilizza, uno dei quali gli permette di attaccarsi alle pareti intestinali e di annidarvisi. Inoltre, appare molto resistente agli antibiotici, da cui la difficoltà ad eliminarlo.

Questo “ceppo variato” del batterio E.Coli non è nemmeno recente, ma anzi fu isolato la prima volta nel 2001 in un solo paziente. Si considerò allora un caso fortuito e forse è stato ignorato fino ad oggi. La nuova aggressività di questo batterio, fino a poco tempo fa benefico, è probabilmente dovuta alla sua resistenza alle medicine e ciò è dovuto all’uso esagerato che la gente fa degli antibiotici per qualsiasi piccolo disturbo. Il corpo e gli organismi che lo abitano si abituano agli effetti di questi medicinali e non li rendono più efficaci al momento del bisogno.

admin

x

Guarda anche

Nuovo farmaco contro i “super batteri”

I batteri hanno da poco imparato a ingannare l’uomo e sono diventati resistenti, potenti ma ...

Condividi con un amico