Home » Benessere » A Milano, un progetto per le donne incinte

A Milano, un progetto per le donne incinte

Le donne in gravidanza sono dette, non a caso, “in stato interessante” in quanto il loro stato è particolare e necessita di attenzioni continue e diverse da quelle del normale quotidiano. Se ciò è valido per qualunque donna, in particolare lo diventa per le donne straniere, magari immigrate o povere, che hanno bisogno di un’assistenza ancor più attenta.

Con l’arrivo di tanti nuovi migranti, il problema delle gestanti straniere aumenta ogni giorno di più. E’ necessario scendere in campo dalla loro parte anche per combattere certe usanze, tipiche di alcuni Paesi, che non tengono conto dei diritti delle donne e dei bambini che vengono al mondo.

La Questura di Milano e le ASL di zona, coordinate dalla Direzione Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà Sociale della Regione Lombardia, hanno così ideato il “Progetto Cicogna”, che si propone di aiutare le donne anche facendo conoscere loro i loro diritti. Il progetto sarà operativo da lunedì 18 luglio e offre: una pagina web (www.progettocicogna.it) con link diretto al sito della questura; un supporto multilingue; una consulenza sanitaria anche per le donne prive di permesso di soggiorno; informative e documenti relativi a leggi e diritti riservati alle gestanti nel nostro Paese. Le donne contattate potranno discutere le loro necessità e i loro problemi senza dover attendere molto e, in base al loro stato e alla gravità del problema, verranno sbrigate le pratiche nel minor tempo possibile.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico