Home » Benessere » Il batterio vive nell'ombelico

Il batterio vive nell'ombelico

Alzi la mano chi si ricorda, quotidianamente, di lavarsi l’ombelico. Lavarselo proprio dentro, là dove non batte il sole. Non sono molti a farlo ed è anche naturale, perché l’ultima parte del corpo a cui si pensa è proprio quella. Questo piccolo buco, ridicolo o sexy a seconda dei casi, ricordo della nostra nascita o elemento decorativo con piercing incorporato a seconda dei punti di vista … secondo un recente studio scientifico è anche casa di tanti batteri!

Lo studio, condotto negli Stati Uniti su 95 volontari, sta dimostrando che in questa innocua rientranza del nostro corpo si possono annidare anche più di un migliaio di batteri diversi, alcuni addirittura sconosciuti, ancora da classificare e da studiare! La quantità e la tipologia di batteri cambia in base a quanto spesso si lava l’ombelico e la presenza di una media di 20% di batteri “sconosciuti”sul totale del campione la dice lunga sull’attenzione che la gente pone su questo angolo del proprio corpo.

Un ombelico pulito risulta quasi del tutto privo di batteri “nuovi”, mentre un ombelico normalmente trascurato arriva ad averne addirittura 53 ceppi diversi! Per lavare l’ombelico basta poco. Un dito, un cotton-fioc usato con molta delicatezza con un filo di sapone sopra e il semplice getto di una doccia per sciacquare. Anche il bagno a mare, da solo, non aiuta a pulire se l’acqua di mare non viene aiutata da un dito che vada a strofinare un po’ là dove si annidano i batteri. Insomma, si deve applicare all’ombelico lo stesso discorso che vale per tutte le altre rientranze dimenticate del nostro corpo. Ricordate la predica della mamma: “Hai lavato bene le orecchie?”

admin

x

Guarda anche

Ecco le nuove armi contro i “superbatteri”

I “superbatteri” non sono affatto “super”. Sono normalissimi micro organismi, anche vecchi di milioni di ...

Condividi con un amico