Home » Benessere » La bulimia danneggia il cervello

La bulimia danneggia il cervello

Il più terribile dei disturbi alimentari, spesso strettamente legato all’anoressia, è la bulimia. Si tratta, in pratica, di ingozzarsi di cibo fino a scoppiare per poi provocarsi il vomito ed eliminarlo prima che venga assorbito dall’organismo, calorie e grassi inclusi. Era già stato provato come questa “pratica” , a lungo andare, creasse gravi danni alle pareti dello stomaco, corrose dai suoi stessi acidi e sfociasse in ulcere, gastriti e tumori.

A questo quadro tristissimo si aggiunge ora lo studio dell’Università del Colorado, in USA, dove si è visto che le donne affette da bulimia manifestano risposte più lente nell’area del cervello legata alla “ricompensa”. Più è frequente l’azione bulimica nella loro vita, più è debole la risposta del cervello in questo campo. In particolare, queste aree cerebrali così danneggiate rispondono sempre meno alla stimolazione della dopamina, il neurotrasmettitore che ci permette di regolarizzare il nostro apprendimento e le motivazioni.

I danni al cervello causati dalla lunga dipendenza dalla pratica bulimica sono ancora da studiare e non si sa se si potranno recuperare, nemmeno dopo che le pazienti saranno guarite dal disturbo alimentare. Recuperare un organismo deperito e stressato da un eccesso è già difficile ma non impossibile, molto più complicato invece intervenire per sanare un danno cerebrale. In poche parole, la bulimia potrebbe avere conseguenze devastanti anche se venisse sconfitta come malattia. Ed ecco perché è sempre più importante riconoscerne i sintomi per tempo e provare a fermarla al suo insorgere

admin

x

Guarda anche

Una “buona” cura preventiva per l’infarto? Lo yogurt

Mangia yogurt e campa cent’anni. O per lo meno, se ti ammalerai, non sarà per ...

Condividi con un amico