Home » Benessere » Vita sessuale. I romanzi rosa creano falsi miti

Vita sessuale. I romanzi rosa creano falsi miti

Lei è sempre povera, intelligente e determinata. Lui è sempre ricco, antipatico ma bellissimo e… fondamentalmente di animo nobile (di solito verso la fine del libro!). E soprattutto, dopo le classiche schermaglie del primo approccio, il sesso è favoloso! Questa è la trama-tipo di un romanzo rosa qualsiasi. Questo è il mito che molte donne cercano invano nella realtà.

La vita sessuale non sempre è rose e fiori. Richiede una reciproca conoscenza perfetta per funzionare bene e, anche in quel caso, può sempre capitare la giornata storta (per l’ansia di prestazione di lui, per stanchezza di lei…). In una coppia normale e affiatata tutto ciò si supera con l’amore e la pazienza. Ma se lei è una divoratrice di romanzi rosa e si è creata un falso mito in testa, anche la minima difficoltà può causare delusione eccessiva e quindi “voglia di qualcosa di diverso”.

Inoltre, i romanzi rosa promuovono usi legati al romanticismo ma che poco si calano nella realtà moderna. Ad esempio, non parlano mai di sesso sicuro, invitano la donna ad assecondare il desiderio dell’uomo (mai viceversa) e descrivono l’incontro sessuale come qualcosa di meravigliosamente divino. Le donne però, soprattutto le più giovani, devono vivere con i piedi per terra e proteggersi dalle malattie, dalle gravidanze indesiderate. Devono pensare anche ai propri bisogni, non solo a quelli del partner e devono sapere che, a volte, la penetrazione è dolorosa o comunque non per forza “divina”! Insomma, il mito romantico va bene… purché finisca, insieme al romanzo, all’ultima pagina e poi si chiuda la copertina e si cominci a vivere.

admin

x

Guarda anche

Stati Uniti, in arrivo profilattici ‘su misura’

Negli Stati Uniti in arrivo profilattici ‘su misura’ e più piccoli per soddisfare le richieste ...

Condividi con un amico