Home » Benessere » Poco sonno danneggia la memoria

Poco sonno danneggia la memoria

E’ la moda più diffusa tra i giovani, ed è purtroppo anche la moda che danneggia irreparabilmente le cellule del loro cervello, causando problemi che comprendono le funzioni della memoria, della concentrazione, della lucidità. Fare le ore piccole, insomma, fa male. Pure in vacanza.

Non era necessario scomodare uno studio scientifico per dire quello che già si conosceva molto bene. L’abitudine a tornare a casa non prima delle 4 del mattino, ogni sabato sera ma a volte anche durante la settimana, altera i ritmi del riposo. La perdita di sonno danneggia l’ippocampo, ovvero la zona del cervello in cui immagazziniamo i ricordi di luoghi, persone, esperienze. Se il danno non è immediatamente visibile, ciò porterà col passare degli anni a sviluppare quelle gravi malattie degenerative (come l’Alzheimer) che aumentano di giorno in giorno nel nostro Paese.

Nell’immediato, l’effetto più grave che si nota nei giovani è appunto la mancanza di concentrazione e di memorizzazione durante lo studio. Da cui derivano un’altra serie di problematiche (quali sostanze prendere per mantenersi svegli? che pillole assumere per non sentirsi stanchi?) che comunque non aiutano la memoria ma completano il suo danneggiamento. L’università olandese di Groningen ha dimostrato tutto questo con esperimenti di laboratorio, sottolineando il fatto che basta perdere anche un minimo di sonno per rovinare la memoria e l’apprendimento in modo grave.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico