Home » Benessere » Nuove speranze contro il Diabete

Nuove speranze contro il Diabete

Per contrastare il Diabete non ci sono solo le classiche regole da seguire in modo costante (mangiare i cibi giusti, prendere le medicine, condurre uno stile di vita sano) ma potete contare anche su tre “scudi protettivi” particolari.

Il primo “scudo” è il sole, che vi aiuta a produrre vitamina D (una delle maggiori carenze causate dalla malattia) e quindi godervi una sana abbronzatura, che siate al mare o in montagna, magari non può guarirvi ma … secondo gli studi condotti in Australia … può comunque farvi molto bene. Il secondo “scudo” è il digiuno. Anche se sembra assurdo, giunge dall’America questo invito a rinunciare al cibo, ogni volta che sentirete di poterlo fare, in quanto il digiuno riduce le cellule di grasso e “purifica” l’organismo. Chiaramente, non deve mai essere un digiuno totale, ma solo un riposo temporaneo (e controllato) dal cibo. Infine, abbiate cura di dormire bene. Mai meno delle 6 ore e mai più di 9 ore. Insomma, il tempo classico del sonno -le 8 ore- aiutano il corpo a difendersi dal diabete e quindi, secondo l’Università del Quebec, in futuro la speranza contro questa malattia potrebbe svilupparsi proprio da questa base.

Esistono altri studi, condotti sull’accumulo di grasso nel corpo, che vengono portati avanti negli USA e che tendono a dimostrare come i soggetti con un fondoschiena più grasso sono più protetti dal Diabete in quanto il grasso si accumula tutto lì e dunque non nel sangue! Ma, a parte l’ipotesi alquanto inverosimile, occorrerebbe che questi scienziati spieghino pure come si dovrebbe fare (se in un futuro la cura venisse da qui) ad avere un fonsochiena grasso… su comando medico!

admin

x

Guarda anche

Ecco il cerotto che manda in pensione gli aghi dei diabetici

Quel fastidiosissimo ago che punge il dito …. prima di ogni pasto… per tutta la ...

Condividi con un amico