Home » Benessere » Un "pacemaker" contro l'incontinenza

Un "pacemaker" contro l'incontinenza

Problema imbarazzante di molte persone, l’incontinenza urinaria può condizionare fortemente la vita al punto da creare panico, paure e insicurezza. Molti soggetti colpiti da questo problema si chiudono in casa o limitano al massimo le attività giornaliere. La soluzione potrebbe venire da un dispositivo piccolo come un pacemaker.

La dimensione sarebbe simile a quella di una moneta da 2 euro, andrebbe impiantato nel corpo e attraverso un elettrodo invierebbe stimoli ai nervi sacrali, controllando tutta la muscolatura ad essi connessa e quindi i disturbi che la riguardano (stipsi, dolori pelvici, ritenzione urinaria, ecc.). La scoperta risale al 2008 ed è tutta italiana, dell’Universita’ Campus Bio-Medico di Roma ed oggi è sempre più diffuso e conosciuto.

La sua utilità, oltre ad essere fisica (comodo, senza fastidi, permette di eliminare i pannoloni e i cateteri), è anche emotiva, mentale. Il soggetto smette di preoccuparsi per le perdite di urina e torna a vivere bene in mezzo agli altri, riacquistando sicurezza e voglia di vivere. Si tratta di un miglioramento che riguarderebbe oltre 70 milioni di persone nel mondo ed è nuova testimonianza del bene che la ricerca fa alla vita di tutti i giorni.

admin

x

Guarda anche

Giornata Mondiale Contro il Cancro Infantile: servono cure mirate

Ogni tre minuti nel mondo un bambino muore di cancro. In occasione della XVI Giornata ...

Condividi con un amico