Home » Benessere » Sessualità, i disturbi dell'orgasmo

Sessualità, i disturbi dell'orgasmo

Il punto massimo del piacere sessuale -l’orgasmo- è anche quello più problematico e non solo perché è difficile che venga raggiunto da entrambi i soggetti contemporaneamente ma anche perché può essere soggetto a disturbi che minano, oltre al piacere fisico, anche la sicurezza personale.

Le donne, ad esempio, sebbene abbiano finalmente avuto libero accesso alla dimensione del piacere sessuale (un tempo riservata solo ai maschi, nel comune immaginario), non tutte riescono a raggiungerlo pienamente. Si stima che una percentuale di donne compresa tra il 10% e il 30% abbia difficoltà o addirittura non abbia mai provato l’orgasmo. Si parla di anorgasmia e le cause possono essere di natura psichica, emotiva … una componente fondamentale per la persona di sesso femminile che cerca nel rapporto anche sentimento e intimità profonda. Nell’uomo, i disturbi dell’orgasmo non sono affatto rari: l’eiaculazione precoce (20% dei soggetti) è il più conosciuto e studiato. E’ causata da ansia, fobia e da poca conoscenza del proprio corpo, in età giovanile, o da malattie come le prostatiti in tarda età. Il maschio inoltre può essere esposto anche ad un ritardo eiaculatorio, nel quale solo dopo un coito di 30-45 minuti si verifica l’emissione di sperma e l’orgasmo.

In entrambi i casi, se il problema non deriva da patologie fisiche ben definite, la soluzione e la terapia sono di tipo psicologico e neurologico. Si tratta infatti di “blocchi” legati alla paura di non riuscire, alla “paura da esame”, al terrore di non essere all’altezza o di scontentare il partner in qualche modo. Uno psicologo – o meglio un sessuologo – sapranno come affrontare il problema e riportarvi ai vostri momenti magici tra le lenzuola!

admin

x

Guarda anche

Contraccezione: non fidatevi del telefonino

L’ultima moda in fatto di contraccezione e prevenzione di gravidanze indesiderate è quella delle “applicazioni ...

Condividi con un amico