Home » Benessere » Tubercolosi, cos'è, come affrontarla

Tubercolosi, cos'è, come affrontarla

Si è tornato a parlare di una malattia che credevamo sconfitta, relegata lontano tra le pagine dei libri di storia. Ma la notizia di cronaca dei giorni scorsi –l’infermiera di Neonatologia affetta da tubercolosi– ci costringe a ripassare qualcosa a riguardo.

La tubercolosi (TBC) è una malattia infettiva causata da micobatteri, in particolare dal Mycobacterium tuberculosis, chiamato anche Bacillo di Koch. La tubercolosi attacca comunemente i polmoni (la tubercolosi polmonare), ma può anche interessare l’intestino, il sistema nervoso centrale, il sistema linfatico, l’apparato circolatorio, l’apparato genito-urinario, le ossa, le articolazioni e persino la pelle. In passato, tra il medioevo e i primi anni del XX secolo, mieteva migliaia di vittime e il contagio era molto temuto, anche se già dalla fine dell’Ottocento esistevano dei metodi curativi (solitamente cure intensive in luoghi di montagna), non del tutto efficaci.

Ai giorni nostri questa malattia si manifesta principalmente nelle zone più sottosviluppate del pianeta, come alcune regioni dell’Africa e dell’Asia. Sembra (o sembrava) del tutto sconfitta in Europa e in America. Si trasmette per contatto con alcune particelle (ad esempio gocce di saliva o lo starnuto) e i sintomi sono: febbre alta, stanchezza, perdita di appetito, infezioni. La tubercolosi polmonare si manifesta anche con perdite di sangue dalla bocca durante la tosse. Il trattamento per la TBC utilizza gli antibiotici per uccidere i micobatteri. I due antibiotici più utilizzati sono la rifampicina e l’isoniazide. Tuttavia, invece del breve periodo di cure di antibiotici tipicamente utilizzato per altre infezioni batteriche, la TBC necessita di periodi molto più lunghi (dai 6 ai 12 mesi) per eliminare completamente i micobatteri dall’organismo. Esistono diversi vaccini per prevenire la TBC, alcuni di essi molto efficaci sui bambini (meno sugli adulti) e altri sono ancora in fase di sviluppo

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico