Home » Benessere » L'uso pericoloso degli antidolorifici

L'uso pericoloso degli antidolorifici

Gli antidolorifici, una invenzione felice che ha rivoluzionato il mondo dopo la I Guerra Mondiale … medicinali in grado di farci sentire meno (o zero) dolore e di farci vivere così lo stato di malattia con un’energia in più che non avremmo, se fossimo stressati dal male fisico.

Questa arma perfetta, però, va usata con criterio altrimenti diventa letale essa stessa. La maggior parte degli antidolorifici, soprattutto quelli che si usano per malattie come cancro o come alcune forme croniche, sono a base di composti estratti dal papavero da oppio e dunque paragonabili alle droghe, se assunti in dosi eccessive e continuate. L’allarme lanciato dall’Università di Toronto è proprio questo. Stanno aumentanto, in Canada e negli Stati Uniti, i morti per abuso di antidolorifici oppioidi. Le cifre sono importanti, perché si è passati da 4.041 nel 1999 a 14.459 nel 2007 e ora la mortalità causata da questi farmaci è più comune delle morti per cancro della pelle, l’Hiv e malattia epatica da alcool!

I ricercatori stanno anche studiando metodi per ridurre questo uso sfrenato di antidolorifici, agendo sia nel campo educativo, sia in ambito pubblicitario (tagliando i troppi spot promozionali di queste medicine) e sia a livello statale, chiedendo ai governi di imporre tasse e controlli su chi e come si rilasciano ricette relative a questo tipo di medicinali. Non bisogna dimenticare inoltre che l’uso continuo di antidolorifici annulla proprio la loro azione, facendo sì che il corpo si abitui ad essi e cancelli il loro effetto. Magari non sempre si muore, ma si torna a soffrire maledettamente. E questo è un danno altrettanto grave

admin

x

Guarda anche

Giornata Mondiale Contro il Cancro Infantile: servono cure mirate

Ogni tre minuti nel mondo un bambino muore di cancro. In occasione della XVI Giornata ...

Condividi con un amico