Home » Benessere » Pericolo cardiaco dopo le "sbornie facili"

Pericolo cardiaco dopo le "sbornie facili"

Le mode dello “sballo” non si esauriscono mai, e in una società che tende sempre più ad alienarsi dai problemi quotidiani, sono l’unico vero mito della gioventù. Tra questi, i Rave Party (con il loro carico di droga facile) e la “sbornia da discoteca” sono le più comuni.

La “sbornia da discoteca” consiste nel consumare quanto più alcool è possibile … in forma di drink diversi l’uno dall’altro … in pochissimo tempo, possibilmente nell’ambito delle due o tre ore che si trascorrono in discoteca. Al di là delle classiche gravi conseguenze già note (coma etilico su tutti) la sbornia fa male anche al cuore. O meglio, SOPRATTUTTO al cuore.

Secondo una statistica fatta all’ospedale di Mestre (Venezia), più della metà dei giovani che vengono ricoverati lì dopo una sbornia presenta gravi movimenti di fibrillazione cardiaca. La fibrillazione del cuore, ovvero il contrarsi in modo irregolare del muscolo, porta quasi sempre all’arresto cardiaco e alla morte. Questa reazione è normale, in un organismo che cerca di assimilare quantità di alcool enormi e improvvise e, se non si è abbastanza fortunati da venire soccorsi in tempo, si va incontro a una morte sicura. Un altro motivo per cercare di usare il cervello e lasciar perdere lo sballo da divertimento.

admin

x

Guarda anche

Ecco perché le diete esagerate fanno male

Gli americani le chiamano “Crash Diet” e sono quelle diete super ferree, super intensive, che ...

Condividi con un amico