Home » Benessere » Alimentazione: la dieta migliore per la ripresa della scuola

Alimentazione: la dieta migliore per la ripresa della scuola

Riprende la scuola, e con essa la fatica, lo stress, la vita di corsa dei nostri ragazzi che – oltre allo studio – ormai vivono intensamente ogni momento della giornata, con attività extrascolastiche e sport vari. Mangiar bene significa partire con un punto in più per la nuova avventura.

La cosa importante è far fare ai ragazzi tre pasti completi più due spuntini. La colazione deve essere molto ricca (latte, succo di frutta, pane, yoghurt, creme spalmabili o prodotti da forno … come crostate, torte, biscotti secchi) perchè deve dare la carica necessaria per l’intera giornata. Lo spuntino di metà mattina, a scuola, deve essere una versione più ridotta della colazione, magari con una merendina e un frutto, o con un pezzo di torta e un succo di frutta.

A pranzo il pasto deve essere completo di primo e di secondo, senza mai far mancare la pasta. Unica eccezione alla regola, se il ragazzo pratica sport nel primo pomeriggio, e deve mantenersi leggero per muoversi, fategli consumare solo pasta (o riso), pane, insalata e formaggi … spostando il secondo all’ora di cena. La merenda di mezzo pomeriggio riprende i criteri di quella di mezza mattina. Infine, la cena -se non è spezzata dal pranzo a causa degli impegni sportivi – deve comprendere un piatto di pasta oppure un bel panino sostanzioso, un secondo o un contorno molto ricco e un’insalata. Le bevande devono mantenersi sempre sul genuino, evitando il più possibile alcolici. Anche se molte famiglie fanno “assaggiare” un dito di vino ai ragazzini, dopo il pasto, è sempre meglio abituarli ai succhi o alle bevande analcoliche più adatte alla lucidità della loro mente.

admin

0 Commenti

  1. Magari bisognerebbe cominciare dal limitare l’uso di bevande gassate, merendine confezionate e succhi di frutta.
    Sara

x

Guarda anche

Psicologia: ecco come “insegnare” le emozioni ai bimbi

  Brutto da dire, ma di questi tempi le emozioni “vanno insegnate”. Un tempo bastava ...

Condividi con un amico