Home » Benessere » Mente e corpo: l'importanza della musica

Mente e corpo: l'importanza della musica

Si è detto più volte e si continua a ripetere, la musica non è solo un passatempo rilassante ma una vera e propria “palestra” per il cervello. Soprattutto nei più giovani, stimola angoli nascosti della mente e rende i ragazzi pià svegli, più lucidi, più capaci di conservare i ricordi.

La mancanza di insegnamento musicale a scuola è un grave danno, così come lo è relegare l’educazione musicale alla sola storia della musica, senza l’uso di uno o più strumenti. Ascoltare musica, ma soprattutto FARE musica, aiuta moltissimo le aree dell’attenzione, della memoria, dell’apprendimento. Lo si è visto nei bambini molto piccoli, stimolati già in culla con brani musicali e strumenti. Ma lo si vede anche nelle cure su pazienti adulti vittime di ictus, dove spesso la ripresa passa dall’ascolto della musica.

La musica si usa per curare: demenza senile, depressione, stress da ricovero, autismo, disturbi comportamentali e perfino i disturbi alimentari come anoressia e bulimia! Il legame stretto tra musica e cervello è stato studiato anche in quei soggetti affetti da un deficit particolare chiamato “Amusicismo”. Si tratta dell’incapacità di cogliere i ritmi e le note sbagliate, qualcosa si più di un semplice stonamento. Ne era affetto anche il Che Guevara, solo che all’epoca si pensava fosse un problema di udito. Invece è una anomalia della parte bianca della materia cerebrale. Insomma, il legame musica-mente è fondamentale perchè attraverso esso si ottiene un corpo vigile e sano.

admin

x

Guarda anche

Psicologia: ecco come “insegnare” le emozioni ai bimbi

  Brutto da dire, ma di questi tempi le emozioni “vanno insegnate”. Un tempo bastava ...

Condividi con un amico