Home » Benessere » L'Alzheimer infettivo come la Mucca Pazza?

L'Alzheimer infettivo come la Mucca Pazza?

L’università americana Texas Science Center sta conducendo studi che, se verificati, proverebbero una ipotesi interessante e fondamentale per la cura dell’Alzheimer.

La malattia, infatti, potrebbe essere trasmissibile con modalità simili alle infezioni causate da prioni, esattamente come l’encefalopatia spongiforme bovina (il Morbo della Mucca Pazza) nella la sua forma umana. Si tratta ancora di teorie, ma sarebbe importante sapere se davvero l’Alzheimer si può trasmettere in forma infettiva e non avere solo cause degenerative. ” Il meccanismo che soggiace al morbo di Alzheimer coinvolge una proteina normale che si deforma e comincia a trasformare proteine buone in proteine cattive, che poi si accumulano nel cervello in placche che uccidono le cellule del cervello, nell’Alzheimer”, ha spiegato Claudio Soto, uno degli scienziati autori della ricerca in corso. I ricercatori americani hanno iniettato parti di tessuto cerebrale di un malato di Alzheimer in alcuni topi. In seguito a ciò, i cervelli degli animali hanno sviluppato per tutta la massa cerebrale le placche tipiche della malattia. Si tratta ora di capire come avviene questa “trasmissione” e di trovare un nesso e una eventuale soluzione alla diffusione di questo grave disturbo tra gli uomini.

admin

x

Guarda anche

Quando il peperoncino vi manda all’ospedale …

I calabresi, esperti in materia, magari saranno anche immuni ma non bisogna mai sfidare il ...

Condividi con un amico