Home » Benessere » Nei neuroni la nostra "macchina del tempo"

Nei neuroni la nostra "macchina del tempo"

Lo studio viene dalla Germania, da Kiel, ed è stato condotto su alcuni soggetti sottoposti a risonanza magnetica, mentre veniva loro fatto un vero e proprio interrogatorio sulla loro vita. Si trattava di pazienti sani e di persone colpite da alcune rare forme di amnesia grave, i quali messi a confronto tra loro hanno mostrato il diverso funzionamento cerebrale davanti a certi stimoli.

E’ stato così che si è vista la reazione dei neuroni, o per meglio dire di uno specifico gruppo di neuroni (CA1), i quali si trovano al centro dell’ippocampo (la memoria) e ci permettono di ‘viaggiare nel tempo’ ripercorrendo il nostro passato anche lontano e di avere percezione e consapevolezza di noi stessi. Sono importanti, dunque, per la creazione e il mantenimento della nostra identità di persone che si fonda in parte su questo tipo di ricordi lontani. I pazienti con rare forme di amnesia presentano infatti delle lesioni neurali proprio a carico delle cellule della memoria CA1. Poiché la degenerazione di questo tipo di neuroni è stata anche riscontrata in pazienti con sintomi iniziali di Alzheimer, la scoperta potrebbe aiutare moltissimo a studiare e comprendere (e forse rimediare) all’evolversi dell’amnesia in questi malati

admin

x

Guarda anche

Ecco il tumore cerebrale più grande del mondo

Portare dentro il cranio una massa anomala di oltre un chilo e non saperlo! I ...

Condividi con un amico