Home » Benessere » La "canna" deprime di più chi è predisposto

La "canna" deprime di più chi è predisposto

Fumare cannabis non fa mai bene. Lo dicono le mamme, lo dicono i preti, lo dice la scienza. Le droghe, tutte, anche quelle leggere a lungo andare provocano danni irreversibili al nostro corpo ed è bene quindi conoscerne tutti i segreti.

Alcuni ricercatori dell’Università Radboud di Nimega , in Olanda, hanno puntato l’attenzione sullo spinello, quella che tra le droghe è considerata la più innocua. Ora, se è vero che non sballa immediatamente come l’eroina e non rende privi di limiti come la cocaina, è però vero che la “canna” provoca reazioni diverse da soggetto a soggetto. I ricercatori hanno cercato di capire come mai e i risultati fin qui ottenuti fanno sospettare che c’entri il fattore ereditario.

Infatti, seguendo alcuni adolescenti consumatori di cannabis particolarmente predisposti geneticamente alla depressione … e confrontandoli in 5 anni con fratelli maggiori e amici NON fumatori … si è visto che i primi tendevano a deprimersi il doppio con l’uso della canna. Mentre magari altri ragazzi, non predisposti alla tristezza dal fattore ereditario, anche se fumavano avevano reazioni meno drammatiche. Tuttavia rimane assodato che il consumo di cannabis, soprattutto se iniziato in giovane età, danneggia seriamente il cervello creando stati di psicosi e di “continua ricerca di soddisfazione” che possono portare il soggetto a cercare sballi sempre più intensi e dunque a passare alle droghe pesanti in poco tempo.

admin

x

Guarda anche

Per mentenervi giovani … giocate a calcio!

Diciamo la verità: in Italia non si sentiva proprio il bisogno di un ulteriore incentivo ...

Condividi con un amico