Home » Benessere » Corte Europea: l'embrione non si tocca!

Corte Europea: l'embrione non si tocca!

La Corte Europea dà una spinta in più al movimento cattolico in favore della vita, anche se lo fa per ragioni puramente scientifiche. Il verdetto è che l’embrione non si tocca, nè se l’ovulo è stato fecondato nè se è ancora da fecondare.

Il tutto non nasce da motivazioni morali ma da un ricorso chiesto da Greenpeace contro un ricercatore tedesco che aveva richiesto la brevettabilità di una terapia con staminali umane che ha comportato la distruzione dell’ embrione. Il ricercatore sosteneva l’importanza della cura da lui sperimentata, in quanto aveva effetti benefici sulle cellule nervose e dunque poteva costituire una buona via da seguire per la lotta contro il Parkinson.

La Corte Europea però si è basata sui risultati immediati, e cioè sulla distruzione effettiva delle cellule embrionali che era conseguenza di tali esperimenti, allargando il divieto d’uso a qualsiasi cellula embrionale umana, anche a quelle non fecondate e dunque non ancora in processo di trasformazione in feto. La sentenza è obbligatoria per il Paese che l’ha richiesta (la Germania) ma diventa precedente per il resto d’Europa, nel senso che, anche se si potrà continuare a sperimentare sugli embrioni, nel momento in cui si verificasse una situazione simile a quella del ricercatore tedesco scatterebbe la legge di divieto automaticamente. Esultano naturalmente i movimenti cattolici mentre gli scienziati, anche in Italia, accusano la Corte di aver inteso male la questione e di frenare così lo sviluppo del progresso medico nel Vecchio Continente.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico