Home » Benessere » Allarme in Spagna per "l'Ebola" europeo

Allarme in Spagna per "l'Ebola" europeo

Ricordate il virus Ebola, colpevole di causare in Africa una emorragia irrefrenabile e mortale che ha ucciso centinaia di persone e anche alcuni missionari e soccorritori accorsi per dare aiuto alle popolazioni locali? Era causato da uno dei cosiddetti “filovirus”, dei microorganismi particolari che attaccano in maniera letale i primati e l’uomo.

L’allarme che proviene oggi dalla Spagna riguarda il ritrovamento, nei pipistrelli del nord del Paese, di un filovirus molto simile all’Ebola, denominato LLOVIU. Finora non si aveva traccia di questo genere di organismi in Europa, ritenendoli di fatto autoctoni di alcune zone dell’Africa o dell’Asia (come nelle Filippine). La scoperta che si possono trovare anche nel vecchio continente mette un po’ tutti in guardia. Questo tipo di virus, infatti, non attacca di solito i pipistrelli … ma nel caso spagnolo gli animali non solo sono stati infettati ma hanno cominciato a morire in gran numero. Si è poi scoperto che si tratta di un filovirus “parente” di Ebola ma geneticamente modificato e capace di danneggiare la struttura corporea di questi piccoli mammiferi. Oltre alla paura sulle conseguenze in sé (sarà in grado di attaccare anche l’uomo?) ci sono serie preoccupazioni per l’ecosistema. La moria di pipistrelli, infatti, sta causando un proliferare di zanzare e di altri insetti che erano normalmente loro preda e che ora stravolgeranno il sistema naturale di quelle zone.
Un timore che deve spingere la ricerca a trovare motivazioni e soluzioni in tempi rapidi.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico