Home » Benessere » Chirurgia, una nuova protesi per l'ernia inguinale

Chirurgia, una nuova protesi per l'ernia inguinale

L’ernia inguinale, detta anche “ernia dello sportivo” per l’alta incidenza che ha negli atleti e nelle persone che fanno sport, ha da oggi una nuova soluzione chirurgica: una protesi ” a fiore ” perfettamente in armonia col corpo.

La protesi è costruita in polipropilene, un materiale sintetico facilmente modellabile che si adatta perfettamente alla struttura del corpo e non ha bisogno nemmeno di punti di sutura, impedendo così quei fastidi post-operatori come il sanguinamento, la tensione e soprattutto il rischio di “intrappolare” dei piccoli nervi tra i punti di sutura col rischio di creare nuovi disagi al paziente in fase di recupero.

Spiegano dall’Università di Palermo, dove si è già tentato l’esperimento, che l’intervento si esegue in anestesia locale (salvo casi particolari) e in tempi brevi, meno di 30 minuti, e a differenza dei dispositivi fissati con sutura questo si adatta immediatamente al corpo che non lo riconosce come “elemento estraneo” e non lo rigetta, evitando dunque anche il problema delle irritazioni interne. Il paziente, da parte sua, vive meglio il decorso post-operatorio, senza dolori, senza difficoltà di movimento e soprattutto senza febbre da infezione … il che accorcia di molto la degenza e permette il ritorno rapido a una vita normale e dinamica.

admin

x

Guarda anche

Ecco come “allenare” il cervello

Noi italiani non siamo un popolo di sportivi. O meglio, lo siamo finché “sportivo” vuol ...

Condividi con un amico