Home » Benessere » Disturbi alimentari: il dramma della "anoressia alcolica"

Disturbi alimentari: il dramma della "anoressia alcolica"

Come se non bastassero i tanti disturbi alimentari che portano molte donne (e anche tanti uomini) alla morte ogni anno, si moltiplicano i “trucchi” che questi malati inventano pur di restar lontani dal cibo più a lungo.

In inglese si chiama “Drunkorexia”, letteralmente “ubriacoressia”, ovvero l’anoressia alcolica. E’ una tecnica scoperta dall’Università del Missouri analizzando diversi campioni di giovani con disturbi alimentari, in modo particolare con anoressia. Iniziava tutto come un gioco, come un compromesso: devo bere per far figura con gli amici ma non devo ingrassare, quindi tolgo il cibo e assumo calorie solo con l’alcool.

Da questo passo a diventare una malattia il percorso è breve. Si associa infatti la depressione portata dall’alcolismo a quella che causa il rifiuto di sé e dunque il ricorso a tecniche di allontanamento del cibo. I ragazzi bevono tanto per evitare di mangiare e anche per risparmiare i soldi che, se no, andrebbero spesi per una cena o un pranzo. Il dramma è che anche alcuni malati di anoressia cominciano ad affidarsi a questa tecnica, nel loro caso per “stordire” il corpo e non sentire i morsi della fame. In un modo o nell’altro, il problema è grave perchè associa insieme due patologie comunque legate alla sfera emotiva e alla depressione. Un cocktail che potrebbe essere mortale.

admin

x

Guarda anche

Come rimediare (senza medicine) alla spossatezza

Spossatezza non è proprio “stanchezza”. Non è quel senso di pesantezza che passa con una ...

Condividi con un amico