Home » Benessere » Igiene orale. Come scegliere un buon dentifricio

Igiene orale. Come scegliere un buon dentifricio

Ci dicono che i micro-granuli puliscono a fondo, o che il sapore forte della menta uccide i batteri e noi corriamo a comprarli, pensando alla salute della nostra bocca. Eppure scegliere un buon dentifricio dovrebbe essere una responsabilità e basarsi su criteri più seri di quelli proposti dalla pubblicità.

Tanto per cominciare, tutti i dentifrici contengono fluoro. Non è una scelta di qualità ma necessaria, dato che il fluoro mantiene forte lo smalto dei denti e quindi lo preserva durante lo spazzolamento. Non ci sono quindi dentifrici “più o meno efficaci sullo smalto”, ma sono tutti alla pari, tutti protettivi. Dunque la nostra scelta potrebbe basarsi su altri elementi … per esempio il gusto preferito o la preferenza di una crema normale o di un gel. O potremmo cercare quel dentifricio più ricco di vitamine o quello a base di erbe.

Il problema dei denti sensibili o delle “gengive sanguinanti” non è fondamentale. Il dentifricio con la crema rosa non ha quel colore perché “fa bene alle gengive”. Se avete i denti o le gengive sensibili e usate un dentifricio normale non succede assolutamente niente di grave, al massimo potreste avere qualche leggero fastidio in più. Non ci sono “dentifrici approvati dall’Associazione Medici Dentisti” e altri scartati dalla stessa associazione in quanto inefficaci … se parlate col vostro dentista vi consiglierà un dentifricio piuttosto che un altro ma soltanto in base alla esigenza specifica della vostra bocca. Insomma, per scegliere un buon dentifricio non ascoltate la pubblicità, ma il vostro dentista. E poi, in base al suo suggerimento, sceglietelo in base ai vostri gusti personali.

admin

x

Guarda anche

Parodontite aumenta rischio tumore

La parodontite espone ad un maggior rischio di tumori. L’allarme arriva da uno studio coordinato ...

Condividi con un amico