Home » Benessere » Vi piace Halloween? Celebratelo senza incidenti

Vi piace Halloween? Celebratelo senza incidenti

Siete anche voi tra i neo-fanatici ammiratori di questa festa, all’80% nord Europea e al 100% americana, che ha ormai invaso il nostro mercato prima ancora che le nostre tradizioni? Se lo siete, celebratela tenendo in considerazione non solo il lato divertente ma anche il lato pericoloso della cosa.

La festa di Halloween (letteralmente, “Vigilia di Ognissanti” in lingua celtica) è una festa nata in Inghilterra per esorcizzare la paura della morte, trasformandola in scherzo e in dolcetti-premio per i più piccoli. La cosa, nel tempo, si è evoluta e si è trasformata, in America, aggiungendo elementi horror (fantasmi, mostri, streghe e fuoco) al panorama inizialmente religioso. Negli USA, dove questa festa è un vero evento nazionale, si registrano ogni anno non pochi incidenti legati alla disattenzione e all’eccessiva vivacità dei ragazzini. In Italia, dove la tradizione è ancora giovane e sconosciuta, rischiamo di cadere negli stessi errori. Ecco dunque alcuni consigli utili.

Non mandate i bambini in giro per il quartiere a chiedere “Dolcetto o scherzetto”. Organizzate la cosa solo all’interno del vostro condominio, o se vivete in un piccolo paese, lungo la strada in cui abitate. Siate sicuri di conoscere i vicini che apriranno loro la porta e soprattutto che loro conoscano bene i vostri bambini. E’ facile che una caramella, un biscotto o una barretta di cioccolato si trasformi in un dramma per chi soffre di allergie e intolleranze alimentari, quindi massima attenzione! Attenti anche quando confezionate gli abitini da strega o da fantasma. La maggior parte degli “incidenti di Halloween” nascono dalle punte dei cappelli di strega che cavano un occhio e da ragazzini che inciampano nel proprio mantello e cadono rovinosamente. Se organizzate festicciole in casa, attenti alle decorazioni. Le candele, elemento principe della festa, soprattutto quelle inserite nelle zucche possono causare ustioni ai più distratti e ai più curiosi. Preferite usare l’energia elettrica … meno spettrale ma molto più sicura! Buon divertimento!

admin

x

Guarda anche

Psicologia: ecco come “insegnare” le emozioni ai bimbi

  Brutto da dire, ma di questi tempi le emozioni “vanno insegnate”. Un tempo bastava ...

Condividi con un amico