Home » Benessere » La fame nervosa. Come contrastarla

La fame nervosa. Come contrastarla

Esistono disturbi alimentari che non appaiono drammatici come l’anoressia e la bulimia, ma possono comunque creare gravi fastidi per chi li vive come un piccolo dramma personale ogni giorno. La fame nervosa è uno di questi.

C’è gente che sfoga i momenti di forte stress ricercando il piacere del cibo. Lo fa in maniera “sana”, cioè senza poi causarsi il vomito per espellerlo. Però questo modo di mangiare disordinato sballa comunque i ritmi del corpo, che ingrassa o si sgonfia in maniera scriteriata. La fame nervosa scatta per una delusione d’amore, per la preoccupazione di un esame, per eccessiva gioia o per eccessiva rabbia. Di solito è associata ai “nervi”, appunto, cioè a situazioni che causano una frustrazione tale che si può sfogare solo con gesti violenti. Per evitare tali gesti violenti, la persona calma se stessa “premiando” il corpo con qualcosa di piacevole: il cibo.

Per contrastare questo problema occorre senza dubbio l’aiuto di un professionista, di un medico che sappia trattare i disturbi neurologici perché di questo si tratta. Bisogna stabilire con lui una tabella di orari e di cibi da seguire, come se si dovesse fare una dieta, ma orientati non al mantenimento della linea ma piuttosto al ritorno a ritmi normali di assunzione di cibo. Sottovalutare questo disturbo in apparenza innocuo potrebbe avere conseguenze serie e sfociare in qualcosa di peggio

admin

0 Commenti

  1. Secondo me affogare le tensioni nel cibo è soprattutto colpa dell’aver sviluppato abitudini sbagliate e la mancanza di altre soluzini valide.

x

Guarda anche

Coldiretti, black list dei prodotti alimentari più pericolosi per la salute

Dalla Coldiretti arriva la ‘black list’ dei prodotti alimentari più pericolosi per la salute. Dal ...

Condividi con un amico