Home » Benessere » Curare l'ipossia? la risposta viene … dall'Everest!

Curare l'ipossia? la risposta viene … dall'Everest!

L’ipossia è uno stato patologico determinato dalla carenza di ossigeno nel corpo che causa uno stato confusionale acuto, perchè le prime cellule a soffrire del minor apporto di ossigeno sono quelle cerebrali. L’ipossia colpisce spesso gli atleti, alla fine di un grande sforzo fisico, ma colpisce anche molti pazienti affetti da malattie come ischemia, anemia e patologie polmonari in generale.

Uno studio inglese ha cercato di trovare una soluzione a questo problema e, paradossalmente, lo ha fatto studiando chi va proprio a cercarsela, la carenza di ossigeno: gli scalatori dell’Everest! Il test è stato compiuto su circa 200 persone tra alpinisti e semplici escursionisti … tutti nati e cresciuti in pianura e dunque NON predisposti a quelle estreme altitudini.

Quello che si è notato, a conclusione della ricerca, è stato che queste persone comunque riuscivano ad adattare il proprio corpo alla forte carenza di ossigeno data dagli 8000 metri della grande montagna nepalese. Man mano che salivano, nonostante i grossi disturbi, piano piano riuscivano a compensare e dunque a proseguire. Il tutto grazie alla produzione di ossido di azoto, che ogni cellula umana è capace di “fabbricare” e che entra in gioco se ci si abitua alla ipossia gradualmente. L’idea dunque è quella di sostenere le persone in carenza di ossigeno non solo con l’ossigeno ma anche somministrando farmaci che stimolino la produzione di ossido di azoto. Se si riuscirà a raggiungere questo obiettivo si potrà portare aiuto a molti malati, anche gravi, e continuare a studiare le soluzioni mediche attraverso le reazioni del nostro corpo agli stimoli naturali.

admin

x

Guarda anche

Quando per farsi accettare ci si stressa a morte

Essere bravi come il fratello maggiore, essere moderni come l’amica, essere pronti a ubriacarsi come ...

Condividi con un amico