Home » Benessere » TBC, ora l'allarme scatta a Torino

TBC, ora l'allarme scatta a Torino

Dopo il drammatico caso di Roma che vide coinvolto un intero reparto di neonatologia, l’allarme Tubercolosi si sposta adesso a Torino dove da un mese si gioca al rimbalzo delle responsabilità, mentre i casi sospetti aumentano.

Tutto ha avuto inizio il 3 ottobre scorso, con una studentessa di medicina infettata dalla malattia che però scopre di esserlo solo venti giorni dopo, portando allo scoperto -oltre al proprio- altri due casi tra i pazienti che stava seguendo nel reparto di ematologia. Da allora, si è proceduto soltanto oggi a sospendere il corso dei tirocinanti di medicina “Canale A” presso l’ospedale Le Molinette, cominciando ad analizzare studenti , pazienti e personale ospedaliero venuti a contatto con i malati o con il reparto sotto accusa.

Intanto, però, si è perso tempo perché il direttore del reparto e il preside della Facoltà di Medicina si accusavano a vicenda e pretendevano che fosse l’altro a portare avanti il processo di controllo e di prevenzione sulle persone coinvolte. Secondo il preside è stato il direttore a sottovalutare il caso, avvisando la facoltà a fine mese … secondo il direttore, invece, è stata la studentessa ad aver denunciato l’accaduto con ritardo. In ogni caso, mentre si discuteva inutilmente sui dettagli altre persone sono venute in contatto con quell’ambiente e adesso occorrerà estendere i test in città.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico