Home » Benessere » Pericolo droghe: Ecstasy ancora in primo piano

Pericolo droghe: Ecstasy ancora in primo piano

Scientificamente si chiama Metilenediossimetanfetamina. Sul mercato di chiama Ecstasy. Ma si potrebbe benissimo chiamarla “Morte Certa”, perchè questa droga … di cui non si parlerà mai abbastanza … stronca l’organismo umano, sia che uccida immediatamente sia che consumi lentamente gli organi interni.

L’ultimo caso è dell’altro ieri: un giovanissimo (19 anni) ricoverato in stato di coma dopo aver ingerito una pasticca di Ecstasy. Il fegato esploso, poche ore di vita. Lo ha salvato solo un trapianto immediato e l’abilità dell’equipe chirurgica del Sant’Orsola di Bologna. Non è il primo e non sarà certo l’ultimo, di sicuro è uno dei più fortunati … tanti altri ragazzi sono morti subito.

Anche se molti non ci credono e ridono, giurando che “l’amica prende Ecstasy ogni sabato e non succede nulla”, occorre tener alta la guardia e non smettere mai di ripetere quanto sia devastante e pericolosa questa droga. I giovani devono capire che è come giocare alla roulette russa … se non ti uccide il primo colpo potrebbe farlo il terzo. L’Ecstasy, anche se non ha effetti nell’immediato, distrugge lentamente fegato, reni, sistema nervoso e infine il cuore. Chi sopravvive allo sballo di queste pasticche, non è uno “forte e figo” … è un morto che cammina, perchè il processo di distruzione è comunque già in atto. L’unica “figata” è arrivare vivi a quarant’anni, una scommessa che i ragazzi di oggi dovrebbero ricominciare a giocare.

admin

x

Guarda anche

Ecco perché l’aerobica fa bene al cervello

Che il movimento fisico faccia bene lo sappiamo tutti e sappiamo anche che, se non ...

Condividi con un amico