Home » Benessere » Mente e corpo: la "sindrome del businessman" che rovina il viaggio

Mente e corpo: la "sindrome del businessman" che rovina il viaggio

Ingrassano, piangono, soffrono di mal di testa e di gastrite e si ammalano più facilmente di tanti altri. No, non stiamo parlando di bambini dell’asilo o di insegnanti o di giornalisti … ma di “businessmen”, cioè uomini (e donne) d’affari che viaggiano spesso per lavoro.

Passare troppo tempo fuori casa, o passarne poco ma con molta frequenza, rischia di minare seriamente la salute. La “sindrome del businessman” è stata individuata da uno studio americano che ha seguito 13.000 uomini e donne d’affari costretti a viaggiare spesso. Si è visto che rischiavano si ammalarsi prima e peggio di altre persone di influenza o raffreddore, a causa dei germi presi in volo (l’ambiente chiuso dell’aereo favorisce questi scambi). Inoltre, i pasti veloci “da viaggio” o comunque un cambio di dieta continuo porta l’organismo a sballare ed ecco eccessiva magrezza o eccessiva grassezza. La pressione alle stelle e lo stress a livelli di guardia completano l’opera, facendo dei viaggiatori per affari degli infelici, invece che dei fortunati avventurieri! Certo, altri studi sugli eccessi da scrivania hanno mostrato che muoversi è sempre meglio che star seduti 10 ore al giorno, ma anche nel movimento occorrono regole. Tocca ai datori di lavoro stabilirle e far sì che siano eque per tutti e soprattutto sane, perchè il dipendente non diventi un “peso morto” anche per l’azienda oltre che per se stesso.

admin

x

Guarda anche

Per mentenervi giovani … giocate a calcio!

Diciamo la verità: in Italia non si sentiva proprio il bisogno di un ulteriore incentivo ...

Condividi con un amico